EAV: i dati sulla sicurezza mostrano un netto miglioramento

EAV: i dati sulla sicurezza mostrano un netto miglioramento

Secondo il confronto con i dati del 2017, il 2018 ha portato con sé un visibile miglioramento delle condizioni di sicurezza in tutte le stazioni e treni EAV – Ente Autonomo Volturno, la più grande realtà regionale di trasporti in Italia, la quale gestisce, fra le altre cose, il servizio ferroviario della Circumvesuviana.

Come cambia la sicurezza dei trasporti in Campania?

Il report realizzato dall’Ente Autonomo Volturno analizza, dal 1 gennaio 2017 al 31 dicembre 2018, i dati riguardanti ogni forma di criminalità.

L’analisi è suddivisa in varie principali categorie. Per quanto riguarda i “danni al patrimonio” si analizzano gli atti vandalici, i furti ai danni dell’azienda e le aggressioni al personale dipendente. La parte dei dati invece dedicata ai “danni all’utenza” analizza accaduti come molestie ai danni dei viaggiatori, risse, furti e borseggi, disagi.

Crimini in diminuzione nel trasporto pubblico

I dati riportati esprimono un enorme trend positivo; è in forte diminuzione, infatti, il numero complessivo di atti criminali all’interno dei treni e delle stazioni, con un 26% in meno rispetto al 2017. Precisamente, mentre nel 2017 i crimini riportati sono stati 1.436, nel 2018 si è riportata la cifra di 1.057 eventi criminosi.

Sicurezza del Trasporto pubblico: meno danni al patrimonio

Gli atti commessi a danno del patrimonio dell’azienda sono diminuiti del 39%.
Le aggressioni al personale hanno subito un decremento del 22%, così come la presenza di graffiti (-42%), danneggiamenti a bordo treno (-44%) e i furti consumati a danno dell’azienda, che diminuiscono del 45%.

EAV: danni all’utenza diminuiti nel 2018

Ma analizziamo ora i dati relativi agli atti criminali commessi ai danni dei viaggiatori.
In generale, il servizio EAV è in miglioramento.

Un dato estremamente interessante è quello relativo ai borseggi, che diminuiscono del 18%. Anche le risse tra gli utenti e le aggressioni fisiche diminuiscono di molto: del 34% le prime, e del 37% le seconde.

Come rendere più sicuri i trasporti?

Per rendere più sicuro il trasporto pubblico occorre che pubblico e privato collaborino e facciano rete.

La positività dei dati mostrati dal report non può che dimostrare quanto valido sia il meccanismo instaurato fra EAV- Ente Autonomo Volturno, le Forze dell’Ordine (che nel 2018 vedono un positivo aumento del 79% dei fermi/arresti) e realtà come CNS, capaci di aiutare il rilevamento e denuncia di attività criminali.

SIRIO: sensori e video per la sicurezza dei trasporti

È stato proprio il 2018 l’anno di Sirio nelle stazioni EAV.

Sirio, la Centrale di Allarme Dematerializzata realizzata da CNS in collaborazione con RisLab, aveva già dimostrato la propria efficacia nelle fasi di prova: nelle stazioni dove il sistema era stato installato si era assistito a una diminuzione del ben 80% degli atti vandalici.

SaM: l’app per gli utenti e personale del trasporto pubblico

Un altro servizio che CNS ha realizzato per l’Ente Autonomo Volturno è SaM, un’app che consente, attraverso gli smartphone, la denuncia di azioni criminali da parte degli utenti e del personale.
Attraverso una semplice interfaccia è possibile infatti contattare una centrale operativa di sicurezza e segnalare ogni genere di crimine, rischio sanitario o emergenza.

Il controllo come la strada da seguire

Adesso, alla presenza di dati positivi, il controllo dei trasporti si prefigura come la giusta strada da seguire.
Lo sottolinea anche Umberto de Gregorio, il presidente EAV: “Attraverso il monitoraggio continuo dell’andamento del fenomeno criminoso e la coerente pianificazione degli interventi preventivi, possiamo seguirne l’evoluzione nell’arco dell’anno,” scrive il Presidente, “e predisporre, quindi, le migliori strategie di contrasto”.

© Copyright 2019 Consorzio Nazionale Sicurezza.Tutti i diritti riservati. Designed by RG.ADV