La Federico II inaugura la nuova sede a Scampia. Istruzione e formazione cambieranno il quartiere

La Federico II inaugura la nuova sede a Scampia. Istruzione e formazione cambieranno il quartiere

Il 17 Ottobre a Napoli è stata inaugurata la sede di Scampia dell’Università degli Studi di Napoli, Federico II. È un evento importantissimo per la riqualificazione del quartiere e vitale per l’intera Città.

Istruzione e formazione migliorano la qualità della vita, hanno impatti positivi dal punto di vista economico e danno impulso ad iniziative per la sicurezza urbana.

L’Università degli Studi di Napoli Federico II

L’Università degli Studi di Napoli Federico II è la prima Università del Sud Italia, la più antica e la più rinomata. Ma soprattutto è un’istituzione di eccellenza a livello mondiale che sforna ogni anno talenti in ogni settore e disciplina.
La Federico II è un’istituzione molto legata al territorio. Negli anni, l’insediamento di alcuni poli tecnologici dell’ateneo in diversi quartieri ha cambiato il volto delle aree periferiche di Napoli.

Proprio per questo, l’apertura della facoltà di Medicina, a Scampia a pochi metri dalle Vele, note per essere una delle principali piazze di spaccio di Europa, rappresenta un punto di svolta per la città.

Una sede all’avanguardia

L’apertura della nuova sede di Unina a Scampia è un successo per tutta l’Italia, non solo per la città di Napoli.
All’inaugurazione, infatti, hanno preso parte rappresentanti delle Istituzioni nazionali come il Ministro Messa e le massime cariche delle autorità locali tra cui il Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi.

La nuova sede ospiterà alcuni corsi della facoltà di Medicina ed è una struttura molto prestigiosa. Dai ben 7 piani in grado di ospitare 4000 studenti e attrezzature per laboratori didattici all’avanguardia, facilities di vario tipo e parcheggi, gli studenti inizieranno a riscrivere la storia di Scampia.

Cultura e formazione per la Sicurezza Urbana

La storia della Federico II testimonia come l’inaugurazione di Centri di Cultura nelle zone in cui si è concentrata l’attività della malavita possa impattare positivamente sulla sicurezza del territorio.

In precedenza anche il polo ingegneristico di San Giovanni a Teduccio, destinato alla Apple Academy e poi alla SI Academy, aveva avuto ricadute molto positive sull’intera area. Segno che dalla diffusione della cultura e della tecnologia nasce un indotto in grado di cambiare l’economia del territorio.

Infatti, la presenza di studenti stimola la comunità alla creazione di esercizi commerciali e servizi che sottraggono risorse alla criminalità, creano crescita economica ed un circolo di “ricchezza pulita”.

Di grande rilievo sono poi gli investimenti in termini di servizi, di trasporto pubblico e decoro urbano necessari ad accogliere la popolazione universitaria. Questi, di per sé, bastano già a migliorare la percezione della sicurezza urbana.

CNS e Università degli Studi di Napoli Federico II

CNS ha partecipato con grande coinvolgimento all’inaugurazione della nuova sede di Unina.
La nostra azienda, infatti, ha sempre tenuto vivo un forte legame ed un’importante collaborazione con la Federico II.
Negli anni, infatti, il settore ricerca e sviluppo di CNS ha collaborato con diversi studenti e docenti della facoltà di Ingegneria della Federico II.

In particolare la collaborazione con il dipartimento di Ingegneria Informatica, si è svolta soprattutto nei settori di Cyber security e cyber physical security, con la realizzazione di centrali di allarme dematerializzate.
Inoltre, anche nel settore della sicurezza del trasporto pubblico la collaborazione tra CNS e UNINA ha prodotto risultati interessanti come la diminuzione degli atti di vandalismi nelle stazioni EAV. Quest’ultima è frutto della sperimentazione di un particolare sistema di sicurezza.

© Copyright 2019 Consorzio Nazionale Sicurezza.Tutti i diritti riservati | Informazioni Legali | Designed by RG.ADV