IoT: una risorsa per la sicurezza fisica

IoT: una risorsa per la sicurezza fisica

Oggi la parola IoT (Internet of Things) è all’ordine del giorno. L’evoluzione di questo nuovo protocollo ha influenzato anche la sicurezza fisica. I dispositivi connessi sono diventati la normalità. Le possibilità in questo campo si ampliano anno dopo anno. Facciamo quindi insieme il punto della situazione su IoT e sicurezza fisica.

Un esempio nella storia dell’IoT: le telecamere IP

Paragonare una telecamera del 1996 a una di oggi è impresa impossibile. Vi basti pensare che allora una videocamera poteva registrare solo un’immagine (o frame) ogni 17 secondi. Incredibile, vero? Soprattutto se pensiamo ai passi in avanti compiuti in soli 25 anni!

Nonostante questo inconveniente, le telecamere IP hanno rappresentato una svolta monumentale. Le prime applicazioni furono i sistemi di videosorveglianza di siti remoti: giacimenti petroliferi, piste di atterraggio aeroportuali o torri telefoniche in zone periferiche. Questa tecnologia aveva il potenziale di creare un modo completamente nuovo di fare sicurezza.

Ma per trasformare in realtà questo potenziale infinito si sarebbero dovuti aspettare delle prestazioni (e chipset) migliori. Innovativo o meno, il frame rate limitato delle prime telecamere non sarebbe mai stato abbastanza efficace da favorirne l’adozione. La risoluzione di questo problema ha richiesto un notevole investimento di risorse. In poco tempo, però, si sono portate le telecamere IP da 17 a 30 frame al secondo.

Ma quello che forse è stato il salto tecnologico più importante è stata l’introduzione di Linux embedded. Durante gli anni ’90, infatti, la maggior parte dei dispositivi utilizzava sistemi operativi proprietari, il che ne rendeva difficile lo sviluppo.I sistemi proprietari richiedevano infatti un’adeguata formazione degli sviluppatori, il che costava tempo e denaro alle aziende.

Linux offriva una vasta gamma di vantaggi, non ultima dei quali la possibilità di collaborare con altri sviluppatori nella comunità open source.

Un problema fu la compressione dei video, per renderli più leggeri ma allo stesso tempo di buona risoluzione. Nel 2009 oltre il 90% delle telecamere IP e la maggior parte dei sistemi di gestione video utilizzava il formato di compressione H.264. I miglioramenti nelle capacità di compressione hanno consentito ai produttori di migliorare anche la risoluzione video. Prima del nuovo formato di compressione, la risoluzione video non era cambiata dagli anni ’60: si usava ancora il formato NTSC/PAL.

Oggi, la maggior parte delle fotocamere è in grado di registrare in alta definizione (HD).

Guardando al futuro della sicurezza

Un esame delle tendenze odierne può fornire uno sguardo su ciò che il futuro potrebbe riservare al settore della sicurezza. Ad esempio, la risoluzione video continuerà sicuramente a migliorare.

Come sempre, la quantità di spazio di archiviazione generata dai video a risoluzione più elevata è il fattore limitante. Probabilmente a causa di ciò vedremo ulteriori miglioramenti nel campo dell’archiviazione intelligente. Così come nella compressione video.

Anche la sicurezza informatica sarà una preoccupazione crescente sia per i produttori che per gli utenti finali.

I governi di tutto il mondo probabilmente adotteranno nuove normative che impongono miglioramenti alla sicurezza informatica. È il caso della recente legge sulla protezione IoT della California.

Il cambiamento è sempre all’orizzonte

La sicurezza fisica ha fatto molta strada da quando è stata introdotta la tecnologia IP. L’IoT ha cambiato per sempre la faccia del mondo. Ma è importante ricordare che questi cambiamenti, sebbene significativi, sono avvenuti nell’arco di più di due decenni.

I cambiamenti richiedono tempo, spesso più di quanto si possa immaginare. Tuttavia, è impossibile confrontare la posizione attuale del settore con quella di 25 anni fa senza essere impressionati. La tecnologia si è evoluta, le esigenze degli utenti finali sono cambiate e anche i principali attori del settore sono diversi.

Il cambiamento è inevitabile: un’attenta osservazione delle tendenze può aiutare gli sviluppatori e i produttori di dispositivi a capire come plasmare il futuro. La pandemia ha evidenziato il fatto che i dispositivi di sicurezza di oggi possono fornire un valore aggiunto incredibile. Ha sottolineato ulteriormente l’importanza di concentrarsi sul futuro dell’IoT e della sicurezza fisica.

Mentre ci muoviamo verso il futuro, le aziende che continuano a dare priorità a questi valori fondamentali saranno tra quelle di maggior successo.

© Copyright 2019 Consorzio Nazionale Sicurezza.Tutti i diritti riservati | Informazioni Legali | Designed by RG.ADV