In crescita il mercato della cyber-physical security

In crescita il mercato della cyber-physical security

Il mercato della cyber-physical security è sicuramente in grande sviluppo in tutto il mondo, con veloci tassi di crescita. Una delle maggiori spinte alla sua crescita è l’adozione di dispositivi IoT (Internet delle cose), e l’aumento delle spese in questo campo da parte delle infrastrutture critiche.

I sistemi cyber-physical

Fra le innovazioni tecnologiche chiave della quarta rivoluzione industriale vi sono i Cyber-physical systems (CPS). Essi rappresentano un insieme di diverse tecnologie che vanno a creare un sistema intercomunicante, unendo e integrando fattori fisici e informatici per generare ed acquisire dati, supportare il processo decisionale e aggregare i dati raccolti.

I dati vengono scambiati dai diversi fattori comunicanti, in qualsiasi momento, creando sistemi che affiancano l’aspetto fisico – il dispositivo stesso –  a quello digitale.

I fattori di crescita

Il mercato della sicurezza cyber-physical è in forte crescita: la crescita economica e tecnologica di alcuni paesi in via di sviluppo sta favorendo la crescita del mercato globale. Questo campo rappresenta un ambito con delle significative opportunità.
L’avvento dell’IoT ha sicuramente facilitato questa crescita, ma anche l’applicazione del cloud, e della smart connection, ovvero la capacità di acquisire dei dati in real-time tramite sensori intelligenti che riescono a trasferire il tutto. I sistemi cyber-physical hanno permesso lo sviluppo di una nuova idea di infrastruttura, ovvero la smartfactory, un impianto multifunzionale, interconnesso e flessibile, capace di adattarsi alle dinamiche del mondo digitale.

I principali limiti del settore cyber-physical

I principali fattori che limitano la crescita del settore sono diversi. Primo fra tutti la necessità di una forza lavoro qualificata e aggiornata sui CPS. Il sistema cyber-physical segue le regole dell’evoluzione digitale.
Altro limite (che nasconde però un grande pregio) è quello che spinge chiunque adotti i CPS a dover evolvere i propri sistemi di sicurezza in modo che garantiscano una copertura sia fisica che informatica.

Una rivoluzione positiva

La sicurezza fisica e informatica è alla base della costruzione di un mondo più rapido, efficiente e sicuro. L’evoluzione tecnologica di questi anni sta portando un miglioramento della qualità della vita di innumerevoli persone; è quindi una rivoluzione positiva e innovativa.

CNS e cyber-physical security

CNS è molto attiva nel campo della cyber-physical security. Attraverso le diverse attività di ricerca e sviluppo, CNS realizza prodotti che non solo garantiscano sicurezza (fisica), ma anche che siano intrinsecamente sicuri (dal punto di vista cibernetico).

I moderni sistemi di monitoraggio per la sciurezza sono formati da dispositivi ICT con capacità elaborativa e possibilità di comunicazione su rete; occorre quindi siano sicuri i dispositivi (ad esempio, una centrale di allarme non deve essere attaccabile) e i canali di comunicazione tra i vari dispositivi.

La R&S di CNS realizza dispositivi sicuri e definisce protocolli di comunicazione sicuri e affidabili. È il caso della STARS, una centrale di allarme e video che offre avanzate funzioni di sicurezza, massima affidabilità e analisi degli eventi.
È stata certificata sia la sicurezza della Centrale che il protocollo di comunicazione usato dalla stessa.
Grazie a una partnership con IBM, CNS ha introdotto il primo CPSIEM, un sistema che integra il noto SIEM di IBM, QRadar, con PCMS, il PSIM di CNS; si tratta di un sistema integrato capace di rilevare e gestire ogni tipo di attacco in entrambi gli ambiti e di avere una visione di insieme mantenendo un workflow semplice.

 

© Copyright 2019 Consorzio Nazionale Sicurezza.Tutti i diritti riservati | Informazioni Legali | Designed by RG.ADV