Criptovalute sotto attacco da parte degli hacker

Criptovalute sotto attacco da parte degli hacker

Ogni giorno leggiamo news sull’espansione del mercato delle criptovalute; questa nuova valuta tecnologica e digitale sta crescendo smisuratamente. Ma la popolarità di bitcoin e simili non è l’unica cosa in crescita. Purtroppo, infatti, sono in aumento anche furti, truffe e attacchi informatici. Vediamo lo scenario insieme, per scoprire i mezzi di difesa delle criptovalute.

Criptovalute: il rischio di hacking è alto

Quando si parla di una tecnologia votata alla crescita economica, il rischio è dietro l’angolo. In generale gli hacker sono iper-reattivi quando il guadagno è così evidente. Senza dubbio, infatti, le criptovalute sono un bottino importante per i criminali informatici. La popolarità di queste ha avuto infatti un aumento esponenziale, purtroppo anche nelle comunità di hacker.

Nonostante sappiano molto sul mercato delle criptovalute e siano nel settore da un po’, anche gli esperti pensano che le criptovalute siano ancora troppo vulnerabili.

Perché gli attacchi informatici si verificano così frequentemente?

La tecnologia emergente delle criptovalute è particolarmente sensibile alla violazione dei dati e attacchi.  Questi rischi sono aumentati negli ultimi tempi, di pari passo all’ampliamento della tecnologia stessa.

Secondo un rapporto, solo nel 2020, il 17% degli attacchi hacker era composto da violazioni dei dati per eseguire transazioni dannose e, cosa interessante, il 22% da attacchi di phishing.

Potrebbero esserci molte ragioni per cui si assiste all’aumento dei crimini. Tuttavia, la causa principale resta quella classica: rubare dettagli finanziari, informazioni di carta di credito e così via ha più senso qualora circolino più soldi.

L’incertezza nelle normative odierne ha inoltre determinato una mancata corrispondenza del flusso di dati.

Suggerimenti per proteggere le criptovalute dagli hacker

Un attacco informatico di solito si verifica quando un hacker utilizza le proprie risorse per acquisire l’accesso a dati elettronici archiviati illegalmente su una rete locale o sul computer di un individuo. Potrebbero attaccare i dettagli personali di un individuo o i dati di un’intera azienda. Potrebbero persino prendere di mira dati ufficiali del governo e così via.

Nell’anno 2020, il valore dell’IA nella sicurezza informatica è stato di oltre 10 miliardi di dollari. È interessante notare che entro il 2027 è altamente prevedibile un’espansione a 46,3 miliardi di dollari.

L’integrazione della tecnologia IA per proteggere le criptovalute semplifica le attività complesse che si svolgono nel mondo cibernetico. Garantisce un livello di sicurezza superiore, massima affidabilità e indipendenza.

Proteggere i dispositivi con password 

Si consiglia di scegliere portafogli sicuri e autentici per evitare attacchi informatici da reti sconosciute.

Le password svolgono un ruolo fondamentale nella prevenzione di attacchi informatici indesiderati. Avere password deboli o facili porta sicuramente a più attacchi di questo tipo. Ma mantenerne una forte e un po’ complessa abbasserebbe le possibilità di hacking.

Una buona password dovrebbe contenere caratteri minuscoli o maiuscoli, un numero, un simbolo, ecc.

Nota vitale: non utilizzare mai una stessa password per più account.

Implementare abitudini sicure per proteggere le criptovalute

Usare ad esempio l’autenticazione a due fattori: aiuta notevolmente a prevenire gli attacchi informatici. Eliminerà la possibilità per un hacker di accedere ad account personali o ufficiali.

L’utente può abilitare un ulteriore passaggio di sicurezza per l’autenticazione che richiederà le credenziali di accesso ogni volta che effettui l’accesso. Se un criminale informatico tenta di hackerare i dati, la notifica del codice di sicurezza per autenticare il tentativo arriverà su cellulare o e-mail (a seconda di quale sia collegato).

Inoltre, è necessario mantenere il software aggiornato. È fondamentale che gli utenti mantengano aggiornato tutto il software in uso. Molto spesso, gli hacker accedono alle vecchie versioni.

Proteggere la rete wireless

Ciò diminuisce le possibilità di phishing. Il phishing è una delle maggiori sfide affrontate in questi giorni. In un sondaggio condotto si è visto che l’80% delle minacce erano principalmente attacchi di phishing.

Un’altra arma è la crittografia: usare una crittografia affidabile per le transazioni online svolge un ruolo significativo nella prevenzione degli attacchi ai dati.

WPA2 e WPA3 sono i due principali elementi di sicurezza che dovrebbero essere integrati dal provider di servizi del router. Questi moduli crittografati proteggono le informazioni sulla rete rendendole impossibili da leggere a soggetti terzi.

In conclusione…

È risaputo che durante la pandemia di COVID-19 si è verificata una drammatica transizione nell’ecosistema digitale.

Tutti nella sfera digitale sono vulnerabili alle minacce informatiche. Tutti i passaggi sopra menzionati sono utili per proteggere i portafogli di criptovalute e i sistemi in generale.

© Copyright 2019 Consorzio Nazionale Sicurezza.Tutti i diritti riservati | Informazioni Legali | Designed by RG.ADV