Sirio: l’innovazione di CNS | RisLab per la sicurezza del trasporto pubblico

Sirio: l’innovazione di CNS | RisLab per la sicurezza del trasporto pubblico

Parte da Sirio l’operazione sicurezza messa in campo da EAV, Ente Autonomo Volturno, la più grande realtà regionale di trasporti in Italia.

La sperimentazione di Sirio per la protezione di viaggiatori e personale EAV

Un’operazione, già realizzata in forma sperimentale in 5 delle 160 stazioni gestite dall’Ente condotta dal Consorzio Nazionale Sicurezza e dal suo partner scientifico e tecnologico RisLab, startup innovativa di esperti di sicurezza e affidabilità, in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli Federico II.

La ricerca per la sicurezza del trasporto pubblico si è mossa a partire dal settore della sensoristica IP-addressable, più nota come IoT – Internet of Things – e dell’analisi e trattamento dei dati raccolti dai sensori (settore Big Data).

Sirio: l’uso combinato di sensori e immagini video

La fase di sperimentazione ha interessato quei settori dove la protezione è ottenuta con l’utilizzo combinato di un gran numero di sensori e di immagini video, in particolare quello della Sicurezza Ferroviaria, in cui CNS vanta grande esperienza e competenza.

EAV, per il quale CNS è ormai da numerosi anni il gestore delle emergenze e della sicurezza, ha aderito alla sperimentazione della centrale di allarme virtualizzata.

Dopo le prove in laboratorio con esiti straordinariamente positivi, sono stati effettuati dei beta-testing, per la verifica delle centrali in ambiente operativo, in alcune stazioni messe a disposizione da EAV.

EAV e CNS | Rislab: un sistema di videosorveglianza con elevatissimi contenuti tecnologici

“Abbiamo sperimentato, ” spiega Umberto de Gregorio, presidente, Eav, ” in 5 stazioni un sistema di videosorveglianza particolarmente efficace con elevatissimi contenuti tecnologici che, al minimo rumore o intrusione di soggetti esterni, fa scattare l’allarme nella nostra centrale di sicurezza gestita da Cns – Consorzio Nazionale Sicurezza. Il risultato è che in queste cinque stazioni, negli ultimi sei mesi, abbiamo ridotto gli atti vandalici dell’80%. Se si investe in tecnologia, se si fanno operazioni importanti, si può riscoprire un risultato inaspettato in termini positivi”.

Ricerca e sviluppo tecnologico per rendere sicure le stazioni

“Nelle stazioni del trasporto pubblico in Campania, ma in generale in tutte quelle nazionali” – aggiunge alla Dire Flavio Frattini, PhD – R&D Manager RisLab – “c’è un grosso problema per la sicurezza, sia degli utenti che del personale viaggiante. Partendo da questo assunto abbiamo sviluppato un’innovativa tecnologia, Sirio, per la protezione delle stazioni e dei treni”.

I Risultati della sperimentazione e le evoluzioni future

Nelle cinque stazioni Eav di sperimentazione, come detto, negli ultimi sei mesi, gli atti vandalici e i furti di rame sono calati dell’80%. Visto il suo successo, prosegue il manager Frattini, “Sirio verrà installata in altre 30 stazioni Eav. L’innovazione tecnologica sta nell’utilizzare il cloud e i sistemi di comunicazione sicuri e affidabili”.

La riuscita non era scontata essendo le stazioni ferroviarie luoghi dove gli impulsi elettromagnetici sono di particolare intensità.

“Per noi del settore Ricerca e Sviluppo – spiega – la partecipazione a questa sperimentazione è stata particolarmente interessante: vuoi perchè ci rivolgevamo direttamente a un utente finale, vuoi perchè abbiamo potuto testare la robustezza delle nostre centrali in un luogo dove i campi elettromagnetici sono di particolare rilevanza“.

 

 

© Copyright 2016 Consorzio Nazionale Sicurezza.Tutti i diritti riservati. Designed by RG.ADV