L’UE e la sfida della cyber security: quali misure si sono adottate per la sicurezza informatica a livello comunitario?

L’UE e la sfida della cyber security: quali misure si sono adottate per la sicurezza informatica a livello comunitario?

L’implementazione delle tecnologie e un mondo sempre più connesso alla rete hanno fatto in modo che tutto nella nostra società dipenda da uno scambio di dati attraverso internet.

Se da un lato questo comporta una semplificazione dei processi, dall’altro si aprono nuovi scenari legati ai rischi alla sicurezza che questo comporta.

In particolare si tratta di cyber attacchi.

Sicurezza informatica

Ed è in merito a ciò che entra in gioco la sicurezza informatica, l’insieme delle tecnologie atte alla protezione dei sistemi informatici.

Un’importante sottoclasse della sicurezza informatica è la cybersecurity, la quale dipende principalmente dalla tecnologia informatica.

La prima fase in un piano di cybersecurity è l’individuazione della minaccia, in modo da valutare le migliori strategie per la protezione dagli attacchi. Per fare ciò, l’implementazione di tecnologie scrupolose è vitale.

Legge sulla sicurezza informatica dell’UE

L’importanza della cybersecurity è stata confermata dalla comunità europea, che il 29 maggio 2018 ha diffuso una regolamentazione per la sicurezza informatica: la “Legge sulla sicurezza informatica dell’UE”.

Il Cybersecurity Act ha come obiettivo rafforzare all’interno dell’UE la capacità di protezione cibernetica.

Un’agenzia permanente per la sicurezza informatica

A seguito della regolamentazione, l’Agenzia dell’Unione Europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione (ENISA) ha allargato il suo raggio d’azione, divenendo un’agenzia permanente dell’UE.
L’ENISA, creata nel 2004 come agenzia temporanea per la gestione della cyber security, ha oggi il compito di testare la protezione dei sistemi informatici europei.

Ciò avviene attraverso simulazioni di crisi informatiche e la creazione di team nazionali di risposta agli incidenti di sicurezza informatica (CSIRT).

All’interno di questo sistema, inoltre, si verrà a creare una bolla di condivisione delle informazioni, che permetterà miglioramenti nell’applicazione delle strategie di difesa.

Politiche per la cyber security

L’evoluzione di queste politiche dimostra una tangibile preoccupazione per il tema cybersecurity da parte dell’UE.

L’ENISA, in collaborazione con gli istituti nazionali, continuerà a svolgere un ruolo molto significativo. La crescente importanza dei temi di cyber security prospettano, anzi, assegnano a questa agenzia un ruolo cruciale.

Lo sviluppo degli standard internazionali per la sicurezza dei sistemi

In futuro, il perfezionamento degli standard internazionali per la sicurezza dei sistemi, permetterà uno sviluppo capace di prevedere i rischi e formulare tattiche di cyber security valide per l’intera comunità.

Il pericolo di attacchi cibernetici specie ai danni di strutture essenziali per la sicurezza e la sopravvivenza delle persone e delle comunità è una realtà concreta.

Proprio per questo motivo l’Europa ha dovuto cogliere la sfida della cyber security.

Un settore fino a pochi decenni fa più che astratto, ma che ora influenza fortemente anche la sicurezza fisica e quella dei nostri dati.

I settori della videosorveglianza, della sicurezza informatica, della cyber sicurezza e dei sistemi di prevenzione sono adesso nel mirino d’interesse delle politiche della comunità europea.

© Copyright 2016 Consorzio Nazionale Sicurezza.Tutti i diritti riservati. Designed by RG.ADV