Building automation e sicurezza fisica si integrano nell’edilizia del futuro

Building automation e sicurezza fisica si integrano nell’edilizia del futuro

La building automation sta conoscendo una grande diffusione grazie alla crescente interazione delle aziende con la tecnologia digitale.

L’impiego di dispositivi digitali continuerà a crescere anche nel settore della sicurezza e si sta evolvendo rapidamente in soluzioni impossibili da prevedere solo pochi anni fa.

Le sfide della Building Automation

La Building Automation riguarda tutte le funzioni di automazione che possono esistere all’interno di un edificio e che in genere si applicano agli impianti ma anche dispositivi di sicurezza.

Il monitoraggio contemporaneo di diversi impianti ha enormi potenzialità e presenta tantissime sfide e tanti possibili sviluppi connessi alla sicurezza fisica.

Come funziona la building automation?

Per comprendere il funzionamento e l’utilità dei sistemi di automazione degli edifici basta fare un esempio: sono le 6 di un lunedì mattina e il programma automatico dell’edificio attiva l’impianto di condizionamento dell’area, accende le luci in aree specifiche ed effettua diversi controlli per garantire il comfort durante le ore di lavoro.

Poi, alle 6 di pomeriggio, il sistema di building automation fa in modo che tutto nella struttura funzioni correttamente durante l’orario di chiusura. In qualunque momento, i vari sistemi possono essere sottoposti a verifiche tramite il pannello di controllo.

Possibili scenari di integrazione tra building automation e sicurezza fisica

Anche la sicurezza fisica ha sperimentato la convergenza dei sistemi.

Ecco uno scenario tipico: sono le 7:00 del mattino e le porte anteriori dell’edificio si sbloccano automaticamente; il sistema antintrusione disattiva la protezione alle zone tipiche di lavoro. La videosorveglianza continua a funzionare, fornendo eventi registrati su avvisi specifici, mentre in background il sistema di allarme antincendio continua a monitorare l’intero edificio.

Alle 7 di sera, si rileva l’uscita di tutto il personale, il perimetro dell’edificio si chiude, il sistema di intrusione si attiva automaticamente, e il sistema di sorveglianza si intensifica utilizzando l’analisi video e il rilevamento perimetrale.

Security management e building automation

Attualmente il security management è strettamente connesso alla building automation e ai tradizionali sistemi di sicurezza fisica.

L’efficacia e l’efficienza dei sistemi all’interno di aziende e uffici e più in generale nel settore del Real Estate consentono il risparmio di energia e una sensibile riduzione dei costi di gestione delle strutture. Per ottenere questi risultati è opportuno lavorare all’automazione dei sistemi già in fase progettuale.

CNS | RisLab: sicurezza e la building automation nel Real Estate

CNS e Rislab hanno effettuato studi e sperimentazioni di nuove tecnologie in grado di far convergere i sistemi di sicurezza con la building automation.

L’obiettivo della ricerca è ottenere il monitoraggio e il controllo totale degli immobili, dagli accessi alla climatizzazione, dall’antintrusione al controllo delle attività svolte di strutture di diverse dimensioni.

Il risultato di queste sperimentazioni sono SIRIO e Stars, due centrali di intelligenza locale a cui connettere sia i dispositivi di sicurezza che gli impianti tecnologici.

Building automation e contenimento dei costi

Se l’implementazione dei dispositivi fisici comporta nuovi costi, è anche vero che il monitoraggio permette di ridurre le spese di utilizzo e funzionamento improprio degli impianti.

In questo modo si ottiene un ritorno dell’investimento in un tempo molto breve: monitoring e building automation assicurano un buon livello di efficienza energetica, un numero minore di guasti e malfunzionamenti degli impianti.

Governo dei servizi di facility management

L’integrazione e il monitoraggio devono riguardare non solo impianti e sicurezza ma anche il governo dei servizi di facility managerment.

Tra le proposte sperimentate tra CNS e RisLab c’è vRonda, una tecnologia utile alla verifica dell’esecuzione dei servizi di pulizia, igiene e manutenzione, e dei giri di ronda.

Building Automation occorre diffondere una cultura della convergenza

Se da un lato la convergenza tra building automation e sicurezza ha ricadute molto positive sulla gestione delle strutture dall’altro la sua applicazione incontra ancora moltissime resistenze che dipendono da una scarsa conoscenza del settore.

Far convergere in un unico pannello di controllo impianti e dispositivi di sicurezza e affidarne il monitoraggio ad un unico soggetto permette una gestione delle strutture più efficiente.

Sccade infatti che i direttori IT non conoscano le funzionalità del sistema di sicurezza, aspetto che rischia di influenzare molto negative nel caso di cyber attacchi agli impianti.

Il futuro della building automation

La building automation rappresenta quindi il futuro dell’edilizia perché può essere personalizzata e consentire una gestione efficiente di un’azienda e di una proprietà.

Proprietari di edifici, gestori di strutture, responsabili della sicurezza e professionisti IT percepiscono il valore della convergenza in un unico sistema di controllo.

© Copyright 2016 Consorzio Nazionale Sicurezza.Tutti i diritti riservati. Designed by RG.ADV