La vera consapevolezza situazionale può essere raggiunta?

La vera consapevolezza situazionale può essere raggiunta?

Nei decenni precedenti, un approccio comune alla selezione e all’implementazione della tecnologia di sicurezza fisica era: (a) partecipare a una conferenza sulla sicurezza, (b) selezionare una tecnologia che sembrava adattarsi al meglio ai requisiti di prezzo e delle operazioni di sicurezza, e quindi (c) aggirare le carenze tecnologiche usando persone e processi.

Quindi, dopo che la spesa per la tecnologia di sicurezza era stata ammortizzata (di solito in cinque anni), si va a un’altra conferenza sulla sicurezza e si cerca la tecnologia più aggiornata (in genere tramite “copia e sostituisci”). Questo approccio ha smesso di funzionare una volta che la tecnologia di sicurezza si è espansa oltre le sole messe in campo specifiche.

Il panorama delle tecnologie di sicurezza fisica sta cambiando

La transizione dalla tecnologia analogica a quella digitale e i conseguenti progressi nelle funzionalità dei prodotti di sicurezza hanno cambiato per sempre il panorama delle tecnologie di sicurezza fisica.

Non è più praticabile copiare e sostituire i sistemi di sicurezza fisica in un’intera azienda globale o nazionale. È necessario un nuovo approccio progettuale per consentire agli utenti finali di sviluppare un’infrastruttura tecnologica evolvibile, che possa fornire le capacità operative necessarie per rispondere ai diversi e nuovi rischi e alle organizzazioni in continua evoluzione.

Una parte importante di tale infrastruttura tecnologica dovrebbe essere la capacità di consapevolezza situazionale.

La ricerca della consapevolezza situazionale

Anni fa divenne chiaro che era arrivata l’era dell’accelerazione del progresso tecnologico. Le tecniche di estrazione dei dati, di apprendimento automatico e analisi avanzata erano emerse nelle operazioni di produzione, nella gestione aziendale e in altri settori.

Alla luce di questi dati si è reso necessario cercare una “piattaforma di consapevolezza situazionale” per la sicurezza fisica che potesse essere all’altezza del suo nome.

Negli ultimi due anni, numerosi venditori hanno promosso le loro offerte come piattaforme o soluzioni per la consapevolezza situazionale, eppure tutti gli scenari e gli esempi che sono stati mostrati sono stati di gran lunga inferiori alle esigenze delle operazioni di sicurezza utili agli utenti finali.

Lo staff del Security Operations Center (SOC) elaborerebbe gli allarmi e i team di Emergency Operations Center (EOC) i collegamenti diretti sui rischi e informazioni sulla mappa geografica, ma l’onere di valutare e definire la situazione spettava quasi interamente allo staff, per coordinare le risposte e gestire la comunicazione della situazione in atto.

C’era un supporto minimo dalle piattaforme tecnologiche di sicurezza, a parte la videosorveglianza attiva e la revisione delle registrazioni video. Una notevole quantità di impegno umano è stata coinvolta nella gestione della risposta agli incidenti.

Il peso della consapevolezza situazionale si trasferiva rapidamente dalle piattaforme tecnologiche ai singoli operatori, quando le capacità umane non possono che fare ciò che si può.

La vera consapevolezza situazionale può essere raggiunta?

Non sto dicendo che il sistema video attuale e le altre funzionalità tecnologiche non siano impressionanti e di grande importanza. Lo sono. Tuttavia, la mia deduzione, data dall’osservazione dell’uso delle tecnologie di consapevolezza situazionale, era che per la maggior parte degli incidenti, “consapevolezza degli allarmi e osservazione a distanza tramite video” sarebbe stata una descrizione più appropriata di “consapevolezza situazionale”.

La consapevolezza situazionale di solito si verificava a metà o dopo l’incidente.

Quando l’ufficiale rispondente raggiungeva la consapevolezza della situazione, spesso non era possibile comunicarlo, perché anche un breve uso della radio avrebbe interrotto l’effettiva gestione dei colpevoli.

Quando era necessaria una risposta di più persone o più team, raggiungere la consapevolezza situazionale in tempo reale era, a livello operativo, raramente possibile.

Nella prefazione al loro libro del 2011, “Progettare per la consapevolezza della situazione: un approccio al design centrato sull’utente”, gli autori Mica R. Endsley e Debra G. Jones descrivono una situazione che si dispiega in molti settori industriali e di gestione, non solo affini alla sicurezza: “Mentre una chiara comprensione della propria situazione è indubbiamente l’innesco critico che consente alle conoscenze, alle abilità e alla creatività della mente umana di essere efficace nel plasmare il nostro ambiente, molto spesso le persone devono lavorare con fatica, contro i sistemi e le tecnologie che le rallentano, piuttosto che migliorare la loro capacità di accertare le informazioni di cui hanno bisogno.

La conoscenza da sola non ha senso.

Il suo uso per superare i problemi e raggiungere gli obiettivi umani richiede la giusta applicazione di tale conoscenza nei modi più appropriati ai singoli contesti.

Eppure, attraverso una vasta gamma di sistemi ingegnerizzati, le persone affrontano un vuoto di informazioni sempre più ampio – l’abisso tra i dati disponibili e le informazioni che hanno davvero bisogno di sapere “.

Nell’ambito della sicurezza fisica, non è che la tecnologia blocchi la capacità di ottenere informazioni, ma piuttosto che le capacità del prodotto e di sistema siano insufficienti per ottenere e condividere le informazioni necessarie.

Credo che ciò derivi principalmente da un concetto scadente di ciò che significa consapevolezza situazionale nel contesto delle operazioni di sicurezza. L’etichetta “consapevolezza situazionale” è stata applicata a prodotti e sistemi che non erano sufficientemente avanzati per fornire le capacità veramente necessarie.

Nel settore della sicurezza fisica, l’adozione di tecnologie informatiche per fornire la funzionalità della consapevolezza situazionale è stata finora effettuata utilizzando principalmente un approccio centrato sulla tecnologia, piuttosto che un approccio incentrato sull’uomo.

Se avete qualche dubbio a riguardo, eseguite una ricerca su Internet scrivendo “Total Situational Awareness” e controllate i risultati; gli articoli rilevanti per la sicurezza fisica sono tutti incentrati sulle tecnologie.

Possiamo davvero raggiungere la consapevolezza situazionale?

Wikipedia fornisce un eccellente articolo sull’argomento (https://it.wikipedia.org/wiki/Situational_awareness), che si apre con questa definizione: “La consapevolezza situazionale o consapevolezza della situazione (SA) è la percezione di elementi ed eventi ambientali rispetto al tempo o allo spazio, la comprensione del loro significato e la proiezione dei loro stato dopo che alcune variabili sono cambiate, come il tempo, o qualche altra variabile, come un evento predeterminato.”

Questa è una definizione concettuale di altissimo livello. L’articolo procede quindi a presentare l’intero panorama della consapevolezza situazionale, includendo un buon diagramma dei fattori coinvolti in un approccio uomo-centrico per raggiungere la consapevolezza situazionale.

Fonte: Securityinfowatch.com

 

 

 

© Copyright 2016 Consorzio Nazionale Sicurezza.Tutti i diritti riservati. Designed by RG.ADV